english  

   

 

 

  


 

 

 

 

home

 

chi siamo

 

le nostre esposizioni

 

articoli

 

mostre nel mondo

 

galleria

 

pubblicazioni

 

links

 

contatti

 

 

L. Pescador, 1995

 

 

 

< pagina precedente

 

 

> pagina successiva

 

 

 

Tecniche e significati

 

Quella delle "Asafo flags", con le sue raffigurazioni, è una delle rare forme espressive di arte "tribale" africana accostabile alla composizione pittorica figurativa. Nella confezione delle bandiere, infatti, venivano utilizzate tecniche e metodologie proprie dell'arte del dipingere. L'importanza nelle bandiere, assimilabili a pitture speculari, veniva assunta dal ruolo delle figure, dei colori e del loro accostamento. Tutti elementi che si integravano ed interagivano con e nell'ambiente per il quale questi drappi erano stati creati.

La tipica bandiera Asafo è realizzata con un tessuto di forma rettangolare che misura, per il lato corto tra gli 80 e i 120 cm, e per il lato maggiore tra i 100 e i 200 cm. L'angolo in alto, a sinistra o a destra, è occupato dalla rappresentazione della Union jack britannica (foto 23) o della bandiera nazionale del Ghana. La struttura portante centrale è utilizzata per l'applicazione delle figure simboliche e allegoriche delle bandiere, sempre in modo speculare su entrambi i lati, realizzate in stoffa da modelli in cartone (foto 24 e 25). Le bandiere sono solitamente dotate di una bordatura decorativa lineare o a disegni geometrici,spesso di diverso colore, a cui può essere applicata una frangia decorativa.

Rispetto a queste caratteristiche, si riscontrano numerose varianti quali, ad esempio: l'omissione delle bordature o delle bandiere nazionali, la rappresentazione delle immagini tramite pittura, il corpo centrale realizzato a più colori e con diversi tipi di tessuto, etc.

 

           

 

Per la maggior parte, il materiale con il quale le bandiere sono confezionate è il cotone, ma talvolta anche la seta o il feltro. Le stoffe utilizzate erano di solito importate dall'India, Giappone, Gran Bretagna e anche dall'Italia. La scelta dei colori da utilizzare per il fondo non era casuale, poiché ogni compagnia aveva il proprio colore di riferimento.

Le bandiere più antiche erano cucite a mano, sia per la composizione delle varie parti che per l'applicazione speculare delle figure antropomorfe e zoomorfe che rappresentavano proverbi o scene della tradizione. Il punto a catenella era quindi funzionale per ricamare i dettagli e i decori delle figure allegoriche.

Nei primi decenni del XX secolo, qualche artista cominciò ad utilizzare la macchina da cucire arrivata nel frattempo in Ghana, facendone una personale caratteristica artistica. In ogni caso, tranne questi casi isolati, le bandiere confezionate con l'uso della macchina da cucire sono di fattura più recente.

In sostituzione della Union Jack britannica, dopo l'indipendenza ottenuta nel 1957 si utilizzò come emblema la bandiera nazionale del Ghana, ma anche dopo questa data si continuarono a produrre bandiere con la U.J., probabilmente per ricordare i fasti del passato, oppure su specifiche richieste dei committenti, o ancora per realizzare copie di bandiere deteriorate.

Le "Asafo flags" sono, di norma, rappresentazioni allegoriche di proverbi, metafore, massime e tradizioni ricollegabili alla cultura Akan, che in origine erano tramandate solo oralmente. I proverbi giocano un ruolo fondamentale e sono parte strutturale della realtà sociale Akan (foto 26).

A volte, le bandiere venivano fabbricate per ricordare un evento rilevante accaduto in un determinato villaggio e la rappresentazione in questo caso non era collegata ad alcun proverbio. Ciò evidenzia che alcune bandiere, estrapolate dal loro specifico contesto, non possono essere interpretate se non si possiedono gli elementi fondamentali per un'accurata esegesi degli eventi accaduti.

 

 

 

< pagina precedente

 

 

> pagina successiva