english  

   
 

    
 

 

 

 

home

 

chi siamo

 

mostre virtuali

 

articoli

 

mostre nel mondo

 

galleria

 

pubblicazioni

 

links

 

contatti

 

 

L. Pescador, 1995

 

 

 

                

 

Bete, Maschera gre (gle)

(Costa d’Avorio, area di Issia) - Legno, incrostazioni sacrificali, sostanze magiche, crine, conchiglie, zanne, borchie di metallo, campanelle, ferro, moneta - h cm 28

(Coll. privata, Bergamo).

 

Ex coll. Antoine Ferrari de la Salle, ex coll. Alain de Monbrison.

Pubblicata in danza nel volume: A. Fantoni, I.G.A., Novara, 1960 (Vedi immagine.)

 

I Bete, circa trecentosettantamila, suddivisi in diversi gruppi con un sistema di potere non centralizzato, stanziati al sud-ovest della Costa d’Avorio lungo il fiume Sassandra, erano principalmente cacciatori oltre che agricoltori.

I Bete si raggruppavano in villaggi estesi nei quali convivevano diversi clan, ognuno dei quali aveva un animale totemico di protezione che non poteva né essere ucciso né mangiato.

 

La potente maschera gre o gle, dalle narici dilatate oltremisura e dai tratti sporgenti e disposti in sapienti piani orizzontali, spesso ornati da borchie di metallo, materializzava ed esprimeva la forza dei temibili spiriti della foresta.

La sua danza esoterica sottolineata dal dialogo con un tamburo, poteva essere pienamente compresa solo dagli iniziati.

Questa maschera partecipava ai giudizi comuni, alle cerimonie funebri, alle feste con i villaggi vicini e festeggiava il ritorno della pace dopo le battaglie.

 

Bibliografia parziale

J. P. Dozon, La Société Beté, Parigi, ORSTOM, 1985.

A. Fantoni, La spedizione Permaflex in Costa d’Avorio, Novara, I.G.A. 1960

H. Holas, Masques Ivoriennes, Abidjan, C.S.H., 1969.

D. Paume, Une société de Cote-d’Ivoire hier et aujourd-hui: les Bété, Parigi, La Haye, 1962

A.P. Rood, Bete masked dance, in African Arts, II, 3, 1969.